Da qualche settimana ha aperto nel centro di Leontica una nuova Bottega del territorio Ticino a TE, al Punto d’Incontro il Larice. Residenti e turisti potranno così acquistare e gustare prodotti tipici della regione.

La Trattoria Centrale di Leontica, grazie al Centro di Competenze Agroalimentari Ticino (CCAT) e l’associazione Il Larice, ha trovato nuova linfa diventando ora il Punto d’Incontro Il Larice. All’interno del locale si può trovare anche un angolo con una ricca selezione di prodotti regionali, provenienti soprattutto dalla Valle di Blenio, e certificati con il marchio Ticino regio.garantie.

Il Punto d’Incontro il Larice si configura così come punto di ritrovo tanto per turisti e villeggianti, quanto per gli abitanti della regione in cui, oltre all’offerta enogastronomica, si svolgeranno anche varie attività culturali e ricreative. Per l’Associazione il Larice si tratta di un importante punto di partenza per contribuire allo sviluppo del contesto socio-economico del paese dando vita a un luogo di incontro, scambio storico e culturale e informativo: in un’ottica moderna e dinamica che non trascura la tradizione.

Quella aperta di recente a Leontica è l’ottava Bottega del territorio concepita dal CCAT che si va ad aggiungere alla Bottega Ticino a TE di Morcote, a quelle del Camping Campofelice a Tenero, della Corte del Vino a Morbio inferiore, de Ul Neguziett di Tremona e degli shop presso l’infopoint di Bellinzona e Biasca, oltre a Ul Mezanìn di Chiasso. Tra non molto anche alla stazione di Mendrisio ci sarà una nuova bottega del territorio e sono in corso progetti anche con il Caseificio del Gottardo e il Conca Bella boutique di Vacallo.

«Le Botteghe del territorio della rete Ticino a TE, che comprendono anche quelle preesistenti al nostro progetto, come Quintorno e GustoTicino, per citarne un paio, e tutte le aziende agricole con vendita diretta», ci dice Sibilla Quadri,direttrice del CCAT, «hanno una dichiarata importanza territoriale in quanto assicurano posti di lavoro e animano i quartieri e i paesi in cui sono collocate, offrendo prodotti artigianali, regionali, sostenibili e a basso impatto ambientale, realizzati spesso nelle immediate vicinanze. L’assortimento è arricchito anche con i prodotti certificati con il marchio di provenienza Ticino regio.garantie (www.marchioticino.ch). Gli scaffali stessi in cui vengono esposti sono prodotti utilizzando legno ticinese di castagno. Si è voluto essere coerenti fino in fondo e valorizzare al massimo la materia prima e la produzione ticinese. Siamo felici del risultato ottenuto e siamo certi che anche i clienti apprezzeranno l’assortimento gustoso e genuino proposto da Il Larice, non solo nella bottega ma anche nella ristorazione, dove verranno proposti piatti realizzati con i prodotti del territorio acquistabili sul posto».

Per sapere come sono andate queste prime settimane di apertura abbiamo contattato Loris Beretta, coordinatore del progetto.

«Sono andate abbastanza bene. La novità ha attirato un po’ di gente e siamo ottimisti. Il progetto non è ancora finito: verrà creata anche una terrazza sulla piazza per il periodo estivo e in primavera, all’esterno, ci sarà anche un distributore automatico dove poter acquistare direttamente e a ogni ora i prodotti dei contadini della valle».

Il punto da cui partire è stata la ristrutturazione del locale con l’obiettivo di aprire prima di Natale, così da permettere ai due gestori del locale, Ornella e Teo Vitali, di iniziare con l’offerta enogastronomica. Sempre Loris Beretta: «Si sta iniziando anche a pensare a dei menù flessibili per integrare prodotti della regione, indicando i nomi dei produttori. È un progetto che è ancora agli inizi ma la speranza è che il Punto d’Incontro il Larice diventi col tempo una base di partenza per andare alla scoperta del paese e del territorio che lo circonda. La Bottega del territorio è piccolina, però ci sono prodotti di qualità che suscitano interesse. È senz’altro qualcosa in più che abbellisce il locale e crea un bell’ambiente». Per chi volesse conoscere meglio le attività dell’Associazione “Il larice”, è possibile visitare il sito www.illarice.ch o iscriversi alla loro newsletter.

Le Botteghe del territorio sono una parte integrante del progetto Ticino a TE, sviluppato dal CCAT. Il progetto prevede da un lato la messa in rete dei produttori ticinesi (www.ticinoate.ch) e dall’altra la creazione di una serie di punti vendita, negozietti e botteghe, con un’identità chiara e accogliente. L’obiettivo di Ticino a TE è quello di offrire un servizio al consumatore dandogli la possibilità di acquistare le eccellenze agroalimentari ticinesi e sostenere chi produce generi alimentari genuini sul nostro territorio. Le specialità del Ticino sono davvero molte: dal Formaggio d’Alpe ticinese DOP ai rinomati vini DOC e IGT, ai salumi, le carni, gli yogurt, la cioccolata, i dolci tradizionali, agli ortaggi, le polente, le farine e i prodotti a base di castagne, senza dimenticare le grappe e i distillati o i presidi Slow Food come lo Zincarlin dala Vall da Mücc. Il Punto d’Incontro Il Larice, sostenuto anche dall’Ufficio per lo sviluppo economico della Divisione dell’economia del Dipartimento delle finanze e dell’economia (DFE), ha ricevuto un contributo ai sensi della politica economica regionale nell’ambito del programma federale denominato “Misure pilota per le regioni di montagna 2020-2023”: è infatti ritenuto un progetto infrastrutturale che contribuisce a ottimizzare la messa in rete dei principali attori presenti a livello locale. Anche l’Ente regionale per lo sviluppo Bellinzonese e Valli ha partecipato al finanziamento in maniera paritaria tramite i fondi per il promovimento regionale.

Cristian Bubola