La Sezione dell’agricoltura, sentito l’Ufficio della natura e del paesaggio, in considerazione dell’inverno e della primavera miti comunica che dal 1° giugno 2020 è concesso un anticipo dello sfalcio dei prati gestiti in modo estensivo e poco intensivo nelle zone di pianura (31) e collinare (41) rispetto alle date previste dall’allegato 4 cifra 1.1.1 dell’Ordinanza sui pagamenti diretti del 23 ottobre 2013.

Dalla presente autorizzazione sono escluse/i:

  • le superfici situate nelle diverse riserve naturali del Cantone (elenco consultabile sul sito dell’Ufficio della natura e del paesaggio);
  • le superfici situate nei reticoli dei progetti d’interconnessione (sono confermate le date previste nei progetti);
  • singole superfici vincolate da un contratto con l’Ufficio della natura e del paesaggio (LPN). Eventuali deroghe (controllo invasive, ecc.) vanno regolate direttamente con l’Ufficio della natura e del paesaggio;
  • i prati gestiti in modo estensivo e poco intensivo annunciati la prima volta quest’anno per la qualità biologica (livello qualitativo II).