Un progetto scolastico realizzato dal docente Filippo Doninelli e dai suoi allievi del terzo ciclo di scuola speciale presso la Scuola Media di Mendrisio. L’orto didattico è stato realizzato nel sedime scolastico e viene utilizzato quale spazio per lezioni di diverse materie.

Creare un orto scolastico: questa è l’idea dalla quale è partito il processo di creazione di uno spazio verde e didattico per gli allievi della Scuola Media di Mendrisio.

Dopo vari incontri e progetti, i lavori hanno avuto inizio. La classe del terzo ciclo di scuola speciale ha quindi potuto cominciare la ricerca del materiale necessario per la realizzazione e la pianificazione di quest’area didattica.

Il processo, così come la raccolta del materiale, non è stato per niente scontato, ma grazie al prezioso contributo di alcuni gentili collaboratori (tra i quali anche la Città di Mendrisio), siamo riusciti ad assicurarci tutto ciò di cui avevamo bisogno, compreso un lembo di terra fertile per le nostre prime colture.

Arrivata la primavera, tutte le piantine, incluse quelle seminate in classe, hanno potuto trovare dimora nei cassoni di fronte all’entrata della scuola media. È stato impagabile vedere la soddisfazione nelle facce dei ragazzi quando le prime erbe aromatiche e i primi cespi di insalata hanno messo radici e hanno dato i primi frutti.

Durante l’anno una piantina di salvia è stata estirpata e gettata via, ma non ci siamo persi d’animo, e la voglia di far fiorire quei cassoni è aumentata ancora di più, invogliando i ragazzi a cimentarsi in questo progetto di classe, rivolto non solo a loro stessi, ma anche agli altri compagni della sede.

Il secondo obiettivo, oltre a poter coltivare piante e fiori, è stato quello di abbellire quest’area. Abbiamo quindi preparato alcuni divanetti con le palette avanzate dalla realizzazione dei cassoni, i quali sono poi stati sistemati intorno all’olivo già presente nell’aiuola. I tulipani in fiore, le lavande appena piantate e le piante che iniziavano a farsi forza nei cassoni hanno regalato una zona di svago, apprendimento e riposo a tutti i ragazzi che passavano le loro lezioni e ricreazioni lì.

L’arrivo dell’estate ha però portato le difficoltà più grandi: la canicola e la scarsità d’acqua hanno messo a dura prova le piante e i fiori di questo giardino scolastico. Inoltre, a pochi giorni dall’inizio della scuola, abbiamo avuto un’amara sorpresa: i cassoni sono stati svuotati della loro terra per poi essere ribaltati in mezzo al giardino, per non parlare dei rifiuti abbandonati lì intorno. Nel vedere tutto ciò, la prima reazione è stata di profondo abbattimento. I ragazzi hanno però reagito con la voglia di ripristinare il loro lavoro e ricreare quell’area verde costruita con non poca fatica durante le lezioni.

Questo episodio deplorevole non ci toglierà però la voglia di fare. Sarà piuttosto uno stimolo per rimettere in sesto uno spazio apprezzato da docenti e allievi, ma anche dai passanti che rivolgevano i loro complimenti ai ragazzi all’opera nel giardino. Quanto avvenuto ci ha anche permesso di creare nuovi legami, organizzare collaborazioni con altri docenti pronti a darci una mano per ricostruire questo giardino, per svilupparlo e renderlo più grande e utilizzabile dagli allievi della scuola media.

Ne approfittiamo per ringraziare chi ci ha sostenuto in passato e chi lo farà durante il nuovo anno scolastico, permettendo la realizzazione di questo progetto prezioso per tutti coloro che frequentano la Scuola Media di Mendrisio.

Filippo Doninelli